Diocesi: Gorizia, da oggi l’assemblea sulle “cinque vie” del Convegno ecclesiale di Firenze

Saranno le “cinque vie” del Convegno ecclesiale di Firenze a segnare lo svolgimento dei lavori dell’annuale assemblea che la Chiesa di Gorizia vivrà da oggi, lunedì 13, a mercoledì 15 giugno. L’appuntamento per gli oltre 300 delegati (sacerdoti e rappresentanti dei Consigli pastorali parrocchiali) è nella sala della parrocchia di San Nicolò a Monfalcone per la terza tappa di un cammino iniziato – come sottolineato dal Vicario per i Sacramenti, don Sinuhe Marotta – “là dove tutto è partito, ovvero gli Atti degli Apostoli”: tre anni fa la domanda era stata “Chi è la Chiesa” per riscoprirsi “Chiesa che ascolta e che accoglie” mentre nell’ultimo anno la Comunità diocesana è stata invitata ad immergersi nel Vangelo di Luca per scoprire “Chi è il cristiano” accompagnata dalla Lettera pastorale a questo tema dedicata dall’arcivescovo mons. Carlo Roberto Maria Redaelli. Il programma dell’Assemblea prevede per questa sera, l’ascolto della testimonianza di una famiglia che stimolerà i presenti su cosa significhi essere cristiani “nei giorni feriali rispondendo in questo modo all’invito di papa Francesco” affinché “sia tutto il popolo di Dio ad annunciare il Vangelo, popolo e pastori”. Nella giornata di domani i presenti rifletteranno su queste tematiche divisi in gruppi di lavoro secondo i verbi del Convegno fiorentino (“uscire, annunciare, abitare, educare, trasfigurare”). Mercoledì sera – prima dell’intervento conclusivo di mons. Redaelli – verranno presentate le suggestioni emerse dal dialogo: esperienze ed indicazioni su cosa significhi essere cristiani nella vita quotidiana verranno offerte al vescovo affinché costituiscano spunto per la Lettera pastorale che nel prossimo anno segnerà il cammino dei “cristiani dei giorni feriali” della Chiesa che è in Gorizia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa