Migranti: Zampa (Pd), “Lega tiri fuori i diamanti e lasci stare Galantino”

(DIRE-SIR) – “Sono completamente d’accordo con monsignor Galantino. Sugli hotspot galleggianti ci devono andare quelli a cui è venuta in mente questa idea”. Sandra Zampa, deputata del Pd, si schiera col segretario della Cei, contrario ai centri di identificazione in mare, “riedizione in brutta copia dei luoghi di trattenimento di persone” e perché lì un “percorso di protezione internazionale non è possibile”. Intervistata dalla Dire, Zampa dice: “Gli hotspot galleggianti non si faranno mai, sono sicura che a Renzi quest’idea non gli ha mai neanche lontanamente sfiorato la mente”. Galantino propone di “offrire un permesso di protezione umanitaria a tutti i migranti ospitati in strutture da oltre un anno”. Zampa osserva: “Penso che sia giusto: bisogna uscire da questa logica emergenziale e fare un piano che preveda un’equa distribuzione dei migranti in Europa”. Non solo: “Questi permessi umanitari dovrebbero essere dati all’estero per evitare la tratta delle persone”. Zampa chiede da tempo “corridoi umanitari per i bambini: donne e minori- osserva- vanno fatti partire in sicurezza, in modo da non mettere a repentaglio la loro incolumità fisica e psicologica”. Alla Lega non condivide la proposta di Galantino (“Il Vaticano metta a disposizione dell”accoglienza i fondi dell’8X1000, dello Ior e il suo incalcolabile patrimonio immobiliare”), Zampa ribatte: “Loro tirino fuori i diamanti che hanno commerciato con l’Africa. Non credo che con la volgarità andremo lontano”. (www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori