Migranti: don Zappolini (Cnca), “Hotspot in mare, idea aberrante che lede i diritti umani”

(DIRE-SIR) – Il Coordinamento nazionale Comunità di accoglienza (Cnca) esprime la propria ferma contrarietà all’istituzione di hotspot in mare per i migranti. “Si tratta di un’idea aberrante, che non garantisce il rispetto di fondamentali diritti umani – dichiara don Armando Zappolini, presidente del Cnca -. Siamo d’accordo, invece, con mons. Galantino sul fatto che vada finalmente prevista una programmazione realistica dei flussi di persone straniere e che vengano creati dei corridoi umanitari per permettere ai migranti di spostarsi senza rischiare la vita e subire violenze di ogni genere. Chiediamo, perciò, al Governo di lasciar cadere la proposta degli hotspot galleggianti e di cambiare verso nella politica migratoria, ponendo al primo posto il rispetto della dignità delle persone migranti”. (www.dire.it)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori