Istat: 90 anni di trasformazioni del Paese letti attraverso Maria, Anna e Francesca, tre generazioni di italiane

Giorgio Alleva, presidente dell'Istat

Maria, Anna, Francesca: tre generazioni di donne italiane assunte come “espediente narrativo” dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, per illustrare 90 anni di trasformazioni della società italiana durante la presentazione del “Rapporto annuale 2016 – La situazione del Paese”. L’evento si è svolto questa mattina, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella Sala della Regina di Palazzo Montecitorio a Roma. Il Rapporto annuale dell’Istat, giunto alla ventiquattresima edizione, sviluppa in particolare una lettura attraverso il tema delle generazioni, “evidenziandone gli aspetti di complementarità oltre che di conflittualità, e ampliando la prospettiva dagli individui ai soggetti sociali e agli attori economici”. Il tema delle generazioni si presta inoltre a confronti retrospettivi, e contribuisce così a sviluppare “quella più ampia riflessione sulle trasformazioni del Paese”, che l’Istituto nazionale di statistica compie dalla sua fondazione. Simone Baldelli, vice presidente della Camera, nel suo saluto iniziale ha sottolineato il ruolo dell’Istat, con la sua “capacità di interpretare i numeri” e i mutamenti socio-economici “in un Paese in cui sono molti a dare i numeri senza saperli comprendere”. Baldelli ha sottolineato “il valore scientifico” delle indagini Istat che è sempre al passo con i tempi: “Novant’anni – ha concluso Baldelli – e non sentirli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa