Diocesi: Cesena-Sarsina, dal 22 al 29 maggio il Congresso eucaristico

“Se condividiamo il pane celeste come non condivideremo quello terrestre?”. Questo il tema del Congresso eucaristico che la diocesi di Cesena-Sarsina si appresta a vivere da domenica 22 a domenica 29 maggio, a conclusione dell’anno pastorale dedicato all’Eucaristia. “È stretto il legame tra Eucaristia e carità: se l’Eucaristia non porta a vivere la carità, viene privata e svuotata del suo vero significato”, scrive il vescovo di Cesena-Sarsina, monsignor Douglas Regattieri, in un messaggio affidato al settimanale “Corriere Cesenate” nei giorni di vigilia dell’appuntamento. E così, continua il vescovo Douglas nel messaggio di apertura del Congresso, “trova giusta collocazione la proposta di individuare, a ricordo del Congresso, un segno concreto di carità. Lo abbiamo identificato in una casa-famiglia che, fra qualche mese, verrà ad abitare in alcuni locali del Vescovado e della ex Curia. Sarà un ulteriore segno dell’attenzione della Chiesa ai poveri e agli ultimi”. Per questo, conclude il presule, “ho indetto una colletta diocesana che si terrà domenica 29 maggio in tutte le chiese della diocesi”.
In apertura del Congresso, domenica 22 maggio alle 18, la celebrazione in cattedrale presieduta dal vescovo Piero Marini, presidente del Pontificio comitato per i Congressi eucaristici. L’arcivescovo di Modena, monsignor Erio Castellucci, presiederà la Messa, lunedì 23 maggio alle 20,30 in cattedrale. Dopo due incontri di approfondimento al monastero delle clarisse cappuccine del “Corpus Domini”, il cuore del Congresso sarà la celebrazione del Corpus Domini la sera di giovedì 26 maggio. Il monastero di Santa Maria del Monte la mattina di sabato 28 maggio ospiterà il ritiro guidato dal segretario della Congregazione per gli istituti di vita consacrata, il vescovo José Rodriguez Carballo. Il pranzo con i poveri si terrà domenica 29 maggio nella chiesa di Sant’Agostino, giorno di chiusura del Congresso. I giovani – e in particolare gli oltre duecento ragazzi che parteciperanno alla Gmg in Polonia – sono invitati all’appuntamento con il segretario di Stato del Papa, il cardinale Pietro Parolin, in cattedrale nel pomeriggio del 29 maggio. Il porporato presiederà la Messa di chiusura, sempre in cattedrale alle 18.
Per tutta la durata del Congresso eucaristico, sono tre le mostre allestite in città, inaugurate dal vescovo sabato 21 maggio: “Oggi devo fermarmi a casa tua. L’Eucaristia, la grazia di un incontro imprevedibile” e “I volti della misericordia” sono visitabili nello storico Palazzo Ghini. A poca distanza, nella chiesa di San Zenone, la mostra di arredi per il culto eucaristico “O salutaris Hostia”. La preghiera dell’adorazione quotidiana al vicino Santuario del Suffragio accompagnerà i ‘lavori’ del Congresso.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa