Honduras: Repam-Mcmc, “giustizia” per l’assassinio di Berta Cáceres

In una nota la Rete ecclesiale pan-amazzonica (Repam) e il Movimento cattolico mondiale per il clima (Mcmc) condannano duramente l’assassinio di Berta Cáceres, ecologista, attivista per i diritti umani e rappresentante degli indigeni in Honduras. “Uniamo la nostra voce – si legge nella nota – a quella di migliaia di persone e istituzioni che reclamano giustizia di fronte a questo fatto esecrabile e doloroso che ci priva in modo violento di una donna valorosa, madre, sposa a attivista dei diritti umani”. La leader ambientalista è stata uccisa all’alba di giovedì 3 marzo a La Esperanza, a circa 200 chilometri di Tegucigalpa, nella parte occidentale del Paese. La Cáceres era leader della comunità indigena Lenca. Secondo fonti locali, gli assassini sono entrati violentemente in casa per commettere il reato, anche se la polizia parla di un tentativo di rapina. “Noi tutti sappiamo che è stato per la sua lotta”, hanno detto i membri della famiglia. Berta Caceres riceveva minacce di morte ormai da dieci anni. Da quando, insieme al Consiglio dei popoli indigeni dell’ Honduras (Copinh) da lei fondato, aveva coordinato la battaglia dei Lenca contro la maxi-diga di Agua Zarca sul fiume Gualcarque. Nell’ottobre 2014 aveva partecipato all’incontro dei movimenti popolari convocato da Papa Francesco in Vaticano, dove aveva preso la parola. La nota congiunta di Repam e Mcmc si conclude facendo una appello “agli organi di giustizia internazionali e al Governo honduregno perché vengano sanzionati i colpevoli” e perché cessino episodi di violenza e intimidazione contro gli attivisti sociali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori