Diocesi: Macerata, a causa dei danni del terremoto le Ordinazioni diaconali di domani si svolgeranno presso l’Aula Sinodale di Macerata

A causa delle ultime scosse che hanno fortemente compromesso l’agibilità di diverse chiese, tra cui quelle di Tolentino, la celebrazione di sabato 29 ottobre con l’ordinazione di due nuovi diaconi, non sarà nella parrocchia di San Catervo ma nell’unica struttura antisismica della diocesi: l’Aula Sinodale, situata nel polo della Domus San Giuliano di Macerata. E’ confermato l’orario delle 18.00 per la Messa. E’ quanto si legge in una nota stampa della diocesi. L’ordinazione – si legge – avrebbe dovuto svolgersi, inizialmente e come da tradizione, nella cattedrale di San Giuliano. Poi, a seguito dell’inagibilità determinata dal terremoto del 24 agosto scorso, la decisione di vivere l’importante momento presso la parrocchia di San Catervo, a Tolentino. Ma le ultime, violente scosse del 26 ottobre hanno compromesso la tenuta di questa come di molte altre chiese della diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Per volontà della Curia e in accordo con il Seminario missionario diocesano “Redemptoris Mater” di Macerata, la Celebrazione eucaristica in cui il vescovo monsignor Nazzareno Marconi ordinerà diaconi don Pietro Micheletti e don Francesco Zambelli si svolgerà sabato 29 ottobre presso l’Aula sinodale di Macerata. “Sappiamo che questa struttura non è una chiesa – dichiara monsignor Marconi – ma si tratta di una scelta obbligata, dal momento che è l’area più capiente e antisismica che abbiamo, dotata inoltre di un ampio parcheggio per ospitare un avvenimento del genere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa