Giornata mondiale dei poveri. La testimonianza dalla mensa di Pompei

“Siamo particolarmente commossi perché oggi (ieri, ndr) è l’anniversario dell’inaugurazione del nostro servizio. Questa coincidenza ci rende felici”. Lo dice Maria Del Rosario Steardo, responsabile di una mensa per i poveri a Pompei, dove vengono distribuiti 120 pasti al giorno da 4 anni, presente ieri con un gruppo di poveri assistiti in Vaticano per il pranzo con il Papa nella Giornata mondiale dei poveri. “Il lunedì – racconta – vengono fatte anche le docce e abbiamo dei volontari parrucchieri che tagliano i capelli a questi nostri amici, che ricevono un cambio di biancheria”. Un ospite della mensa, Aniello D’Antuono, racconta di frequentarla da “un paio di mesi”. “Vivevo per strada, adesso sto bene”. “Grazie a questo servizio ho ritrovato me stesso, perché mi ero perso per strada – afferma -. Non avevo più nulla”. Il giovane ha partecipato ieri al pranzo con il Papa in Vaticano. Un pranzo “bellissimo”, “per me che sono un devoto, è stato un dono”. Il suo sogno? “Un posto di lavoro come pasticciere”.

Altri articoli in Chiesa

Chiesa