Venezuela: la Chiesa riempie le “pentole” per sfamare un popolo allo stremo

Presentata oggi a Roma, nella sede di Acs (Aiuto alla Chiesa che soffre), la campagna "Riempiamo le pentole" organizzata dall'associazione “Venezuela piccola Venezia”. Distribuirà entro l'anno 30.000 pasti solidali nelle parrocchie venezuelane, per far fronte alla grave mancanza di cibo. Sono intervenuti in collegamento telefonico il cardinale Jorge Urosa Savino, arcivescovo di Caracas e mons. Castor Oswaldo Azuaje Perez, vescovo di Trujillo

foto SIR/Marco Calvarese

In Venezuela 7 bambini su 10 non ha cibo a sufficienza. Ogni settimana muoiono 5/6 bambini perché il tasso di malnutrizione cresce ogni mese dell’1%. Nel corso del 2018 circa il 26% dei bambini venezuelani sotto i 5 anni soffrirà di malnutrizione acuta (era il 16,8% nel 2017). Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la soglia del 15% è considerata emergenza alimentare, al 30% si parla di vera e propria carestia. La povertà colpisce oggi il 77% della popolazione, ossia 28 milioni di persone. L’inflazione è alle stelle, con uno stipendio medio di 2.555.500 bolivares (circa 3 euro) che non basta nemmeno per comprare 1 kg di latte in polvere. 9 famiglie su 10 non riescono a mangiare 3 volte al giorno. 6 persone su 10 hanno perso 11 kg nel 2017. Sono alcuni dati di Caritas Venezuela citati oggi a Roma durante la conferenza stampa organizzata da Aiuto alla Chiesa che soffre, in collaborazione con l’associazione “Venezuela piccola Venezia”, che ha lanciato la campagna “Riempiamo le pentole”, con l’obiettivo di distribuire entro l’anno 30.000 pasti solidali nelle parrocchie venezuelane.  Una iniziativa fortemente appoggiata dall’episcopato venezuelano.

Tre appelli dall’arcivescovo di Caracas. “La situazione in Venezuela è molto grave, di crisi integrale, sociale, economica, politica e culturale. Da molti anni il governo ha imposto un sistema politico totalitario, statalista e marxista che ha rovinato il Paese, degradando tutti gli aspetti della vita nazionale”, ha affermato il card. Jorge Urosa Savino, arcivescovo di Caracas, in collegamento telefonico dalla capitale. Il card. Urosa ha espresso un parere sulle recenti elezioni del 20 maggio, che hanno confermato la presidenza di Nicolas Maduro: “Per noi non sono assolutamente valide perché convocate da un organismo illegittimo, l’Assemblea nazionale costituente – ha affermato -. Gli oppositori non hanno potuto organizzare una buona partecipazione e sono stati invalidati i partiti più importanti e i loro leader, che non possono venire in Venezuela perché sarebbero messi in carcere. Inoltre il governo ha offerto soldi a chi votava per lui. Non ci sono state le condizioni per una vera elezione politica di un aspetto così importante come la presidenza della Repubblica”. Il cardinale si è soffermato sulla situazione dei più poveri, che soffrono moltissimo.

“Un chilo di latte in polvere costa più del salario medio mensile. Come possono le mamme venezuelane dar da mangiare ai loro figli?”

Oltre 3 milioni di venezuelani sono fuggiti all’estero, quasi 1 milione in Colombia, dove la Chiesa locale distribuisce cibo e aiuti. In tutto il Venezuela sono stati organizzati 812 comitati parrocchiali per aiutare i poveri, con l’iniziativa delle “pentole solidali”, ossia mense che distribuiscono cibo gratuito. “E’ terribile ciò che sta succedendo al popolo venezuelano”, ha ribadito. Tre sono gli appelli che l’arcivescovo di Caracas rivolge alla comunità internazionale:

“Far conoscere la grave situazione politica ed economica e di violazione dei diritti da parte del governo; inviare cibo e medicine tramite Caritas Venezuela o altri organismi di aiuto umanitario; sostenerci con la preghiera e la solidarietà”.

Da Trujillo, diocesi di passaggio verso la Colombia. “Mi addolora molto il problema dell’infanzia, dei neonati. In alcune zone la malnutrizione è causa di morte. Nei due ospedali più grandi i bambini arrivano e muoiono perché non ci sono nemmeno le medicine. Ma soprattutto manca il cibo”. Lo ha detto mons. Castor Oswaldo Azuaje Perez, vescovo di Trujillo, diocesi all’interno del Paese verso il confine con la Colombia. Lo Stato di Trujillo, dove passano i venezuelani in fuga verso la Colombia (oltre 1 milione)  è tra i più poveri. La crisi economica ha colpito l’agricoltura, mezzo di sussistenza della popolazione.

“Stiamo distribuendo cibo tramite le pentole della solidarietà, con tanta generosità, anche i sacerdoti si siedono per mangiare con i poveri. La povertà dà origine ad una grande solidarietà”.

La Caritas sta facendo un grande lavoro a Caracas e all’interno del Paese, ha precisato, “ci sta aiutando economicamente perché con l’inflazione tutto costa troppo”. La crisi umanitaria ha anche esasperato la criminalità: “Stanno succedendo fatti molto dolorosi e amari – ha aggiunto -. Ogni giorno avvengono crimini, ci sono morti assassinati. Entrano anche nelle case dei sacerdoti. C’è una insicurezza molto grande, il governo non riesce a controllare la situazione, a questo si aggiunge il narcotraffico”.

Marta Petrosillo e Alessandro Monteduro di Acs; la giornalista Marynellis Tremamunno

Gli aiuti dall’Italia. “Sul ponte Simon Bolivar tra Cucutà in Colombia e il Venezuela passano ogni giorno 50.000 persone – ha ricordato Marynellis Tremamunno, giornalista venezuelana e responsabile dell’associazione “Venezuela piccola Venezia” -. Altri stanno cercando la fuga nel mar dei Caraibi con i gommoni, già ci sono stati diversi naufragi e morti. La Croce rossa colombiana conferma la grave situazione di malnutrizione e le malattie che ne conseguono”. La sua associazione sta già sostenendo 150 “pentole solidali” per garantire 15.000 pasti, con il contributo dei fondi della cooperazione italiana.  Sul sito sono già aperte le donazioni: con 1 euro si possono sfamare 2 persone. Con 50 euro si può offrire una pentola di cibo. Alessandro Monteduro, presidente di Acs, ha detto che la fondazione pontificia aiuta già 20 diocesi ma continuerà a “sostenere il clero e attraverso di loro tutti i venezuelani, tramite le pentole solidali”. Nel 2018 Acs ha finanziato progetti formazione per catechisti, bibbie del fanciullo, restauro e ristrutturazione delle strutture ecclesiali. Un’altra possibilità, tramite il sito di Acs, è “far arrivare ai sacerdoti venezuelani offerte per intenzioni di messe”.

 

Altri articoli in Mondo

Mondo